13 marzo

1938
Un gol davvero strambo

Torino, Stadio "Benito Mussolini" stracolmo e ribollente: si affrontano Juventus e Ambrosiana, appaiate in testa alla classifica dopo ventitré giornate. Gli ospiti attaccano a testa bassa, la Signora si difende, regge l'urto, passa in contropiede, ma si fa raggiungere. L'episodio decisivo è da Gran Varietà: rimessa laterale contestata, batte rapidamente la Juve, e Gabetto a testa bassa si invola. Giunto al limite dell'area, prende la mira: sembra un tiro telefonato, Perucchetti (foto) si abbassa per fare il suo onesto lavoro di portiere. Ma è a un metro da lui che Eupalla ha scavato una fossetta, o aggiunto un ostacolo alla regolare corsa del pallone: il quale si alza e, nello stupore di trentatremila spettatori, scavalca l'estremo dell'Ambrosiana e beffardo si deposita in rete. Parlapà, a l'han prope un bel ghëddo, custi sì!
Tabellino e cronaca


  • Vedi anche le partite del 13 marzo in Cineteca